Pettinature di moda negli anni ’90

Gli anni delle girlband e delle boyband. Gli anni di Spice Girls e Backstreet Boys. Gli anni degli zatteroni colorati e delle codine. Ci sono tanti modi per ricordare i mitici anni ’90 ai quali ci rivolgiamo sempre con irrimediabile nostalgia. Possiamo ricordarli per quelle giacche XXL che nascondevano le forme anche delle più carine o per i jeans a vita alta che, al contrario, facevano sembrare formose anche le magrissime; ma è per la moda capelli che gli anni ’90 restano fortemente impressi nell’immaginario di ognuno di noi.

Gli anni ’90 sono gli anni delle mechés, ma non le mechés che conosciamo oggi, discrete e nascoste, bensì quelle grossolane e nette di quegli anni; quelli, per intenderci, in cui spopolava il mascara per capelli e tutte le ragazzine si imbrattavano le ciocche coi colori più impensabili.

Anni che sono stati la culla del grunge e dunque hanno portato all’affermazione di mode come le pettinature volutamente in disordine o le treccine brasiliane (che, in fondo, vanno di moda ancora oggi).

Persino gli elastici per capelli degli anni ’90 sono da ricordare. Avete presente quelli increspati e grossi in tessuto, gli scrunchies? Ecco. Chi è nato negli anni ’80 ed ha visto la sua infanzia stagliarsi nei primi anni ’90 non può averli dimenticati. Erano principalmente in satin o velluto e potevano ripiegare chignon, trecce e code da un lato.

Sono state soprattutto le icone del Pop anni ’90 a segnare la moda capelli dell’epoca, sicuramente più educata rispetto a quella anni ’80. Moltissime ragazzine, infatti, imitavano il biondo mosso di Britney Spears, con la sua chioma chilometrica oppure il rosso di Mariah Carey. Ve la ricordate?

Tuttavia, anche i telefilm per adolescenti ebbero il suo peso nell’affermazione di determinati stili. Ricordate Bayside School e la sua Tiffani Amber Thiessen? Ma, soprattutto, di lei rimembrate il ciuffo laterale?

Ma una delle icona indiscusse degli anni ’90 è la mitica Brenda Walsh di Beverly Hills 90210, interpretata dalla bellissima Shannen Doherty e che segnò un’epoca con la sua frangia.

Tornando alla musica ed alla girlband iconica di quegli anni, le Spice Girls, come dimenticare gli Space Buns di Emma Bunton, le scherzose codine imitate da tutte le bambine dell’epoca?

Negli anni ’90 s’impose, altresì, lo stile frisé, decisamente marcato e volutamente esagerato, magari sui capelli abbastanza lunghi.

La scriminatura, negli anni ’90, doveva necessariamente essere o precisamente al centro senza pecche oppure volutamente spostata molto a destra oppure a sinistra. Una delle mode dell’epoca, però, la voleva a zig-zag. La regola, dunque, era quella di giocare coi capelli e di divertirsi con le acconciature.

Molto in voga, inoltre, tra i Trends degli anni’90, per quanto riguarda le pettinature, i tagli alla maschietta, per i visi più fini ed affusolati.

Tra le Spice Girls, tuttavia, non veniva imitata esclusivamente la pettinatura della bionda Emma Bunton, ma anche il mitico caschetto di Posh Spice, alias Victoria Beckham, sempre impeccabilmente perfetto. Per non parlare della chioma leonina di Mel B o del look da maschiaccio di Mel C, tutte icone da copiare, anche nell’Hairstyling.

Pettinature di moda negli anni ’80

David Bowie, una delle icone degli anni ’80, ha segnato le mode musicali ma anche quelle legate all’Hairstyling. I suoi peculiari tagli cortissimi davanti e lunghi dietro sono stati imitati dai fan di tutto il mondo e sono rimaste iconiche immagini di un’epoca dalla quale la moda attinge ancora idee per rielaborarle, magari, in chiave moderna.

A segnare la moda capelli di quegli anni, anche i Musical come Flashdance. Ricordate i famosi ricci super-cotonati di Jennifer Beals? Si tratta di un’icona indiscussa di quei tempi e la sua capigliatura era imitata da qualunque ragazzina in età scolare, pazza per il suo idolo della tv.

In effetti, uno dei must per quanto riguarda l’Hairstyling anni ’80 era la cotonatura feroce ed indiscriminata. Erano pochissime le donne e pochissimi gli uomini a non cotonarsi i capelli. Persino nelle serie animate si scorgevano modelli simili e la tv ed il cinema influenzavano le masse. La cotonatura era totale, su tutta la chioma e durava a lungo.

Al fianco della cotonatura, gli anni ’80 sono stati in boom della permanente, in grado di regalare movimento ai capelli, corpo e volume. Le donne ne andavano pazze e l’esagerazione era la regola ferrea.

Gli anni ’80 sono infatti emblema di stravaganza, del farsi notare a tutti i costi e questa peculiarità, in qualche modo, si trasmetterà anche al decennio successivo. Sicuramente non si trattava di pettinature eleganti ed esse possono essere replicate oggi solo nel caso in cui si voglia imitare un outfit di allora. Tuttavia, la moda capelli odierna ha spesso saputo ingentilire esperimenti davvero bizzarri e fortemente legati a quel decennio.

Tra gli esperimenti davvero bizzarri, va aggiunto il Brushing vaporoso oltre ogni limite, con le radici dei capelli scollate dalla nuca in modo innaturale e lacca a profusione. Giusto, la lacca. Forse è davvero lei l’icona degli anni ’80, per pettinature destinate a durare per giorni!

Per finalizzare il total look, partendo da leggings e blazer oversize, non potevano mancare le acconciature esagerate ed i colori appariscenti.

A farla da padrone, altresì, le frange lunghissime e bombate, ancora una volta come richiamo al movimento ed al volume fuori controllo.

Una delle acconciature riproponibili oggi potrebbe essere lo chignon che, tuttavia, negli anni ’80, veniva impreziosito con accessori ultra-colorati, strani ed eccentrici.

Gli uomini erano soliti drizzare il ciuffo al cielo o di lato, sempre grazie all’aiuto della lacca. Le donne, invece, utilizzavano specifici prodotti per diminuire l’effetto crespo e sfoggiare, dunque, ricci perfetti, voluminosi, vaporosi ed immobili al vento.

Il taglio asimmetrico degli anni ’80 era esagerato ed innaturale come gran parte delle acconciature dell’epoca. Tuttavia, oggi, guardiamo con nostalgia agli anni della sperimentazione, anni in cui tutto era permesso anche dal punto di vista dell’Hairstyling ed in cui la moda veniva davvero seguita alla lettera senza mai sgarrare. Il taglio asimmetrico moderno tende a non esagerare cosi tanto, ma sicuramente muove i suoi passi dalle sapienti mani dei più grandi hairstylists degli anni ’80.